Sei un webmaster, blogger, youtuber o gestisci un gruppo o pagina Facebook? Siamo alla ricerca di persone che vogliono crescere collaborando assieme a noi! Scrivi a hruby@superbasket.it

Sei un webmaster, blogger, youtuber o gestisci un gruppo o pagina Facebook? Siamo alla ricerca di persone che vogliono crescere collaborando assieme a noi! Scrivi a hruby@superbasket.it
Fabrizio Frates, uno studente all'Aurora Desio: «In palestra, a fermare il tempo»

Fabrizio Frates. Fonte Foto Ciamillo-Castoria

- Fabrizio Frates, nuovo allenatore dell’Aurora Desio.
“La logica della scelta? Un progetto serio, societario e di pallacanestro. Tra gente che conosco, che mi ha cercato con entusiasmo, mi ha voluto con forza e mi ha aspettato”.

- Per capire se avrebbe preferito allenare una Serie A o una Serie A2?
“E’ esattamente il contrario: hanno aspettato che mi convincessi ad accettare una Serie B, dove non ho mai allenato. Non conosco il campionato, gli allenatori, i giocatori. Sono lo studente Fabrizio Frates”.

- Fabrizio Frates che torna all’Aurora Desio, 34 anni dopo.
“Stagione 1983, io a 24 anni vice di Franco Morini”.

- Fabrizio Frates nuovo allenatore dell’Aurora Desio. Serie B, dunque.
“Sono un allenatore, mi piace allenare. Allenare per me vuol dire chiudermi in palestra e viverla. Se poi ci sono giovani da fare crescere, meglio. E ci vado in Vespa”.

- Sarà solo questo, nell’ambito dei due anni di accordo?
“Ovviamente no: darò una mano in qualunque settore me lo chiederanno. Sono uno studente, ma da veterano di pallacanestro. Uno che ha avuto la fortuna di vivere una certa pallacanestro. E che senza ipocrisie può valutare le difficoltà dell’oggi”.

- Da dove inizierà, coi ragazzi?
“Proprio da qui: una volta venivano in palestra per fare i professionisti. Con me ricordo i Mian, Pecile, Boscagin, Mordente, quelli di Reggio Emilia in generale. I ragazzi di oggi invece devono studiare, perché le risorse per portarli in palestra due volte al giorno non ci sono”.

- Come dire loro: “Il basket non sarà tutto. Ma può essere molto”
“I tempi hanno cambiato il modo di approcciare lo sport da parte dei ragazzi. Sono cambiati, ma rifiuto il luogo comune che “non hanno voglia”. E ne ho avuto testimonianza recente. L’importante è che abbiano ciò che resta fondamentale: la passione”.

- Devono cambiare di conseguenza anche gli allenatori?
“Dobbiamo saperci porre in un modo diverso. Perché fuori il tempo va ad una velocità supersonica. Ma per sviluppare tecnica, fisico e talento serve pazienza”.

- La palestra come un luogo dove il tempo torna a fermarsi, insomma.
“Simile. Un luogo dove le cose, per maturare, hanno bisogno dei loro tempi. Non si diventa giocatori di basket con un WhatsApp. Fuori si corre, e non possiamo farci nulla. In palestra, per emergere, servono passione e pazienza. Io per primo. Sedimentare, giorno dopo giorno”.

- C’è l’idea di un ritorno di Desio a più alto livello, con l’arrivo di Frates?
“Servono le risorse. Nel frattempo Desio resta un luogo di basket e lo si capisce entrando nella palestra di via Aldo Moro. Cercheremo di accrescere ancora di più l’attaccamento della gente sviluppando il talento che c’è in uno dei migliori settori giovanili della Lombardia. Alcuni sono bravi ma davvero piccolini, li aspetteremo”.

- Prima, due settimane a Tokio ad istruire gli allenatori giapponesi.
“Ho ricevuto con grande piacere l’invito dalla Fiba, nell’ambito del progetto legato alle Olimpiadi di Tokio del 2020. Non partecipano al torneo di basket dal 1976, ora ci saranno in quanto organizzatori e mettono a confronto i loro allenatori in clinic con tecnici provenienti da tutto il mondo. Con me c’è un greco, Vangelis Angelou, che fu vice di Ivkovic alla Dynamo Mosca ed all’Efes e di Yannakis al Maroussi”.

- Quando inizierà ufficialmente il suo compito con l’Aurora Desio?
“Salendo sull’aereo con i video del campionato di Serie B”.

Stefano Valenti - Area Comunicazione LNP

Link:  http://www.legapallacanestro.com/fabrizio-frates-uno-studente-allaurora-desio-palestra-fermare-il-tempo-0

 

23-11-2017
Il Presidente Petrucci risponde a Danilo Gallinari sulla questione “pugno”
23-11-2017
Secondo una fonte Manute Bol avrebbe avuto 40 o 50 anni mentre giocava in NBA di Kevin Brunetti
23-11-2017
I Thunder fermano i Warriors, si interrompe la striscia dei Celtics di Marco Bonfiglio
23-11-2017
Joel Embiid, il fenomeno chiamato Problema di Claudio Limardi
22-11-2017
Mario Canfora attacca pesantemente la proprietà della Virtus Roma
22-11-2017
Colpe di tutti, avanti con Ramagli di Walter Fuochi
22-11-2017
Virtus, il libretto delle istruzioni di Daniele Labanti
22-11-2017
Piccole precisazioni, grandi differenze! Silvio Corrias (3-segue)
22-11-2017
Guido Rosselli verso la Fortitudo Bologna?
22-11-2017
Kuzma e Caldwell-Pope trascinano i Lakers contro i Bulls di Marco Bonfiglio
22-11-2017
Quella voglia di identità che manca nello sport… di Valerio Bianchini
21-11-2017
Il numero 1 del nuovo American Superbasket è on line
21-11-2017
Vittoria del Basketball hall of Fame tip-off - Championship
21-11-2017
Premio Reverberi “Oscar del Basket”, vincono Walter De Raffaele, Luca Vitali e Salvatore Trainotti
21-11-2017
Gallinari al Garden in borghese, Porzingis asfalta i Clippers di Giancarlo Migliola
21-11-2017
I Celtics si prendono la 16° vittoria consecutiva con super Irving, i Cavs piegano i Pistons di Marco Bonfiglio
21-11-2017
Celtics sempre più leader
21-11-2017
Il punto su Milano
20-11-2017
Milano rescinde: Dragic va all'Efes
20-11-2017
Matteo Marchi, da Imola fino a New York: “obiettivo” NBA di Giancarlo Migliola