Sei un webmaster, blogger, youtuber o gestisci un gruppo o pagina Facebook? Siamo alla ricerca di persone che vogliono crescere collaborando assieme a noi! Scrivi a hruby@superbasket.it

Sei un webmaster, blogger, youtuber o gestisci un gruppo o pagina Facebook? Siamo alla ricerca di persone che vogliono crescere collaborando assieme a noi! Scrivi a hruby@superbasket.it
North e South Carolina volano a Phoenix
Entrambe le formazioni del Carolina superano le loro avversarie e staccano gli ultimi due biglietti per le final four

 

Nella notte si sono disputate le ultime due finali regionali che hanno visto opporsi sul campo South Carolina contro Florida, e North Carolina contro Kentucky.
Nella finale ad East, giocata a New York, i ragazzi di South Carolina soffrono molto nel primo tempo, per poi ribaltare completamente il risultato nella ripresa che termina 44-30 e fa vincere i Gamecocks 77-70. Nella partita sono successe alcune cose degne di nota partendo dal fatto che era dal 1986 che in una partita di elite eight non si sfidassero due squadre provenienti dalla Southwestern conference, passando per il centesimo punto alla march madness di di Sindarius Thornwell che diventa l’ottavo giocatore della sua Conference di provenienza a centrare questo obbiettivo, arrivando ai 26 punti del top scorer della partita che è lo stesso Thornwell di South Carolina.
Il primo tempo è completamente a senso unico e vede i Gators imporre il loro stile di gioco: ovvero una grande corsa e ritmi altissimi che consentono di avere più possessi possibili nei venti minuti da poter sfruttare per andare a canestro. Vera chiave della partita sono però le percentuali da tre di Florida che cambiano radicalmente fra un tempo e l'altro: infatti se nella prima frazione di gioco I Gators riescono a punire abbastanza decentemente la difesa a zona di South Carolina, nei secondo venti minuti fanno un imbarazzante 0/14 da oltre l'arco che apre ai contropiedi dei Gators e al loro vari parziali che li hanno portati ad essere in vantaggio a partire da 1 minuto e 57 secondi dalla fine. Fautori dell’incredibile rimonta di South Carolina sono stati Malik Kotsar con i suoi 12 punti, Chris Silva con 13 punti, PJ Dozier e i suoi 17 punti, e Sindarius Thornwell che mette a referto 7 rimbalzi, 1 assist, 4 recuperate e gen 26 punti.
Alle final four dunque i Gamecocks ci andranno e affronteranno fin da subito i favoriti: i Gonzaga Bulldogs.
A Memphis invece si gioca la finale della parte South del tabellone fra Kentucky e North Carolina.
I Tar Heels riescono nella prima metà della sfida a crearsi un adeguato gap di 7 punti da poter poi gestire nel secondo tempo quando effettivamente i ragazzi di Kentucky hanno provato a recuperare e ci sono anche riusciti: infatti con 3:22 sul cronometro il punteggio diceva 64-64.
Nei restanti minuti assistiamo ancora una volta a una gestione dei possessi a due facce: così in un primo momento i Tar Heels riescono di nuovo a scappare portandosi sul più sette a 53 secondi dalla fine grazie a un’ottima difesa che non lascia alcun tiro semplice o non contestato agli avversari, e a una fase offensiva caratterizzata sia dai tiri liberi messi a segno da Luke Maye e Theo Pison sia dal tiro in jump di Joel Berry II. Poi dopo il secondo libero andato a segno di Pison che porta i suoi in vantaggio per 71-64, va in scena lo show dei Wildcats che iniziano a sparare e a trovare il fondo della retina in qualunque modo, soprattutto da oltre l'arco –cosa che ai tifosi di North Carolina ricorda non poco il finale contro Villanova dell’anno precedente. 71-67 è il risultato quando Kentucky chiama un time-out di venti secondi per organizzare la difesa e gli ultimi possessi, decisivi. Al rientro in campo i Tar Heels perdono palla per una violazione dei cinque secondi sulla rimessa, e così subito i Wildcats si proiettano nella metà campo avversaria e Malik Monk mette un'altra tripla. 71-70. Allora Justin Jackson per North Carolina segna un tiro in jump da due su assist di Luke Maye e riporta i suoi in vantaggio di un possesso pieno; vantaggio che viene annullato dalla tripla a soli 8 secondi dalla fine di un incredibile Malik Monk su assist di Briscoe. Allora la palla dalla rimessa finisce nelle mani del miglior passatore dei Tar Heels, ovvero Theo Pison che riesce a servire molto bene Luke Maye che realizza un altro jump da due punti. 75-73. Nei rimanenti due secondi, dopo l'ultimo time-out speso dai Wildcats, Derek Willis perde palla consegnando la vittoria ai Tar Heels.
North Carolina scaccia i fantasmi del passato e si qualifica per il secondo anno consecutivo alle final four, dove affronterà Oregon. 

Fonte: http://www.basketnet.it/lega-a/item/41924-anche-north-e-south-carolina-staccano-un-biglietto-per-phoenix.html 

23-11-2017
Il Presidente Petrucci risponde a Danilo Gallinari sulla questione “pugno”
23-11-2017
Secondo una fonte Manute Bol avrebbe avuto 40 o 50 anni mentre giocava in NBA di Kevin Brunetti
23-11-2017
I Thunder fermano i Warriors, si interrompe la striscia dei Celtics di Marco Bonfiglio
23-11-2017
Joel Embiid, il fenomeno chiamato Problema di Claudio Limardi
22-11-2017
Mario Canfora attacca pesantemente la proprietà della Virtus Roma
22-11-2017
Colpe di tutti, avanti con Ramagli di Walter Fuochi
22-11-2017
Virtus, il libretto delle istruzioni di Daniele Labanti
22-11-2017
Piccole precisazioni, grandi differenze! Silvio Corrias (3-segue)
22-11-2017
Guido Rosselli verso la Fortitudo Bologna?
22-11-2017
Kuzma e Caldwell-Pope trascinano i Lakers contro i Bulls di Marco Bonfiglio
22-11-2017
Quella voglia di identità che manca nello sport… di Valerio Bianchini
21-11-2017
Il numero 1 del nuovo American Superbasket è on line
21-11-2017
Vittoria del Basketball hall of Fame tip-off - Championship
21-11-2017
Premio Reverberi “Oscar del Basket”, vincono Walter De Raffaele, Luca Vitali e Salvatore Trainotti
21-11-2017
Gallinari al Garden in borghese, Porzingis asfalta i Clippers di Giancarlo Migliola
21-11-2017
I Celtics si prendono la 16° vittoria consecutiva con super Irving, i Cavs piegano i Pistons di Marco Bonfiglio
21-11-2017
Celtics sempre più leader
21-11-2017
Il punto su Milano
20-11-2017
Milano rescinde: Dragic va all'Efes
20-11-2017
Matteo Marchi, da Imola fino a New York: “obiettivo” NBA di Giancarlo Migliola