Vi offriamo quelli che sono stati i 3 maggiori capolavori e i 3 flop del mese di marzo

Vi offriamo quelli che sono stati i 3 maggiori capolavori e i 3 flop del mese di marzo
Bronzo a Mannheim! L'Italia batte la Russia 89-78 e sale sul podio dell'AST per la terza volta consecutiva

È Bronzo! L’Italia batte la Russia 89-78 e chiude al terzo posto l’Albert Schweitzer Tournament di Mannheim e Viernheim, mondialino per la categoria Under 18 giunto alla sua 29edizione. Podio meritatissimo per la squadra di coach Andrea Capobianco, che nel soggiorno tedesco ha collezionato 6 vittorie e una sola sconfitta. 

Continua così il fortunato rapporto fra la manifestazione internazionale e l’Italbasket, che qui ha trionfato quattro volte (solo gli Stati Uniti hanno fatto di meglio con 10 vittorie), e che nelle ultime tre edizioni ha collezionato un Oro (2014) e due Bronzi (2016 e 2018). 

Nella gara contro la Russia, la seconda nel torneo dopo il 68-65 del girone, l’Italia ha dovuto dar fondo a tutte le ultime energie per aver ragione di un avversario domato solo negli ultimi scampoli dell’incontro. Migliori realizzatori Azzurri sono stati Federico Miaschi e Mattia Palumbo, entrambi con 32 punti (per Palumbo anche 15 rimbalzi). Maiuscole le prestazioni dei due classe 2000, che tornano in Italia con i riconoscimenti rispettivamente di migliore realizzatore (160 punti, 22.8) e miglior rimbalzista (70, 10.0) del torneo.

Queste le parole di Capobianco, coach di tre podi a Mannheim: “L’Italia cestistica merita questo Bronzo. Dal presidente FIP Giovanni Petrucci ai bambini del minibasket. La pallacanestro va amata, come si deve amare la Maglia Azzurra. Questa mattina ho ricevuto un messaggio, che ho voluto condividere con la squadra sulla lavagna dello spogliatoio: ‘La maratona si corre 30 km con le gambe, 10 con la testa, 2 con il cuore. E gli ultimi 195 metri con le lacrime agli occhi’. Oggi questi ragazzi hanno giocato con le lacrime agli occhi. Tostissima la Russia, e noi non eravamo lucidi in attacco. Dopo una settimana e più a Mannheim, ci mancava che lo fossimo. L’abbiamo vinta in difesa. L’hanno vinta tutti questi splendidi ragazzi, dal primo all’ultimo. Questa è una squadra che parla con i fatti. E che vuole arrivare. Sta a noi aiutarli, senza fargli sprecare neanche una goccia del loro sudore”. 

Quarto d'apertura complicato per gli Azzurri, che non trovano le giuste contromisure all'attacco russo. La tripla di Kvitkovskikh e la precisione dalla lunetta di Mikhaylovskii (4/4) creano un margine di 10 punti (11-21), che Miaschi ricuce a cavallo della fine del primo periodo e l'inizio del secondo mettendo a referto 10 punti consecutivi (23-26).
Il possesso di svantaggio rimane fino a 30'' dall'intervallo lungo, poi è ancora Miaschi, dopo l'ennesimo rimbalzo difensivo e transizione di Palumbo, a rosicchiare ancora il gap con il lay-up che manda le squadre nello spogliatoio sul punteggio di 34-35. 
La schiacciata di Petenev prova ad accendere la Russia, ma il tandem Palumbo-Miaschi tiene in linea di galleggiamento gli Azzurri, e Czumbel trova dalla lunetta il pareggio cercato per oltre 25' di gara (46-46). Il bonus raggiunto dalla Russia è un fattore negli ultimi 3' del terzo periodo, e l'Italia ne approfitta mettendo la freccia e allungando fino al massimo di +7 (55-48, il quarto si chiude 55-53).
La Russia è ferita ma non molla. Mikhaylovskii è il migliore dei suoi e con 5 punti consecutivi impatta sul 65-65 a 5' dalla fine. Si gioca con tanto cuore e con le poche energie rimaste dopo una settimana di battaglie agonistiche. La stamina di Palumbo è però ancora tantissima. Il numero 12 Azzurro è padrone del pitturato, stoppa i tentativi degli avversari ed è lucido nei tanti giri in lunetta che la difesa russa gli concede. E' lui, insieme a Laganà, a confezionare l'ultimo strappo Azzurro (76-70 a 2' dalla fine). I liberi regalano il meritato trentello (e oltre) a Palumbo e Miaschi (32 punti ciascuno). Finisce 89-78. Il Bronzo di Mannheim è ancora una volta intorno al collo degli Azzurri.

Italia-Russia 89-78 (15-21, 34-35, 55-53)
Italia: Costi, Dieng 8, Conti 2, Laganà 4, Czumbel 5, Miaschi 32, Palumbo 32, Graziani, Dellosto, Da Campo 4, Battistuzzi, Ladurner 2. All. Capobianco
Russia: Shcherbenev 9, Shimulskii ne, Ershov, Konovalov ne, Petenev 4, Rogkustov 15, Mikhaylovskii 22, Kadoshnikov 7, Remizov, Savrasov 17, Kvitkovskikh 4, Odinokov. All. Aktsipetrov

Fonte: Ufficio Stampa Fip

21-04-2018
Tutto (o quasi) in quaranta minuti: la A2 sul rettilineo finale
21-04-2018
Rockets Reservoir Dogs di Lorenzo Cipriani
21-04-2018
Ventisettesima giornata: Quote e consigli di Superbasket a cura di Giuseppe Gargantini
20-04-2018
Trentesima e ultima giornata di regular season: il programma dei quattro gironi
20-04-2018
Domani al via la seconda semifinale: Ragusa lancia l'assalto a Venezia. Agnese Soli: "Siamo pronte"
20-04-2018
I programmi della Nazionale Maschile (e Sperimentale) nell'estate 2018
20-04-2018
Girone Est, trentesima e ultima giornata di regular season: gli aggiornamenti dalle sedi
20-04-2018
Ventisettesima giornata, il programma e le curiosità statistiche
20-04-2018
Girone Ovest, trentesima e ultima giornata di regular season: gli aggiornamenti dalle sedi
20-04-2018
Girone Ovest, le ipotesi di parità a una giornata dal termine della regular season
20-04-2018
Treviglio supera in volata Reggio Calabria e mette nel mirino i playoff
20-04-2018
Venezia, dolce sconfitta in Olanda: è finale con Avellino!
20-04-2018
Brown e Tatum: il futuro dei Celtics di Andrea Del Vanga
19-04-2018
Davide Pessina a ruota libera: LeBron impressionante, tra Ambrassa e Irving scelgo…di Giancarlo Migliola
19-04-2018
A proposito del nuovo allenatore dei Knicks di Claudio Limardi
19-04-2018
Domani alle 20.30 Schio-Napoli inaugura le semifinali scudetto
19-04-2018
Polemiche arbitrali continue in Eurolega. Ora tocca a Jasikevicius e Sfairopoulos
19-04-2018
Milano va per il quinto primato: in serie A ha l'80% di vittorie
19-04-2018
Cosa cambierà in Gazzetta dopo il licenizamento di Zapelloni?
19-04-2018
Montegranaro, contro Trieste certa l'assenza di Eugenio Rivali