Vi offriamo quelli che sono stati i 3 maggiori capolavori e i 3 flop del mese di marzo

Vi offriamo quelli che sono stati i 3 maggiori capolavori e i 3 flop del mese di marzo
Dietro il fallimento inatteso di Pablo Prigioni

Il fallimento di Pablo Prigioni a Vitoria riapre il dibattito sulle chance di successo dei grandi giocatori una volta trasferiti in panchina. Nell'immaginario collettivo i grandi playmaker hanno le possibilità migliori di diventare eccellenti allenatori per una questione di ruolo, fosforo, cultura cestistica. In Europa il caso di Zeljko Obradovic è eclatante. Nessuno ora ricorda che Obradovic era un playmaker costruttore degno della nazionale slava quando ancora comprendeva anche croati, sloveni eccetera. In giro per l'Europa ci sono esempi simili, Sasa Obradovic, Sergei Bazarevich è stato un grande playmaker, Oded Katash in Israele. Ovviamente non tutti sono allenatori di primo piano ma sono buoni allenatori. Pablo Laso è migliore come allenatore rispetto a quanto lo fosse da discreto playmaker. Poi però l'elenco include soprattutto "non giocatori" diventati allenatori, Dimitri Itoudis, Javi Pascual, Neven Spahjia, Sito Alonso, Simone Pianigiani. Non esiste una regola, questa la verità. Però il fallimento di Prigioni è stato sorprendente. Considerata l'esperienza da giocatore, star in Europa, nella Nazionale argentina, buonissima carriera NBA sia pure in tarda età. Playmaker di grande intelligenza: Prigioni rappresenta l'identikit perfetto del giocatore la cui transizione in panchina avviene in modo indolore e vincente. Lo pensavano anche a Vitoria e ovviamente hanno sbagliato. La speranza era che fosse un altro Sarunas Jasikevicius. Ma il lituano ha preso in mano lo Zalgiris, senza pressione in Eurolega e con una squadra superiore alle altre in Lituania. Prigioni è finito subito nella morsa infernale di Eurolega e Spagna. Una situazione difficile per un debuttante. Ci sarà un futuro per Prigioni? Forse dovrà ripartire dal basso, una squadra meno ambiziosa, meno esposta o magari fare l'assistente per quanto ingombrante. Il salto diretto campo-panchina non è facile. Mike D'Antoni fece bene come Obradovic o Jasikevicius. Ma in generale all'inizio è più facile per chi ha fatto l'assistente.

20-04-2018
Brown e Tatum: il futuro dei Celtics di Andrea Del Vanga
19-04-2018
Davide Pessina a ruota libera: LeBron impressionante, tra Ambrassa e Irving scelgo…di Giancarlo Migliola
19-04-2018
A proposito del nuovo allenatore dei Knicks di Claudio Limardi
19-04-2018
Domani alle 20.30 Schio-Napoli inaugura le semifinali scudetto
19-04-2018
Polemiche arbitrali continue in Eurolega. Ora tocca a Jasikevicius e Sfairopoulos
19-04-2018
Milano va per il quinto primato: in serie A ha l'80% di vittorie
19-04-2018
Cosa cambierà in Gazzetta dopo il licenizamento di Zapelloni?
19-04-2018
Montegranaro, contro Trieste certa l'assenza di Eugenio Rivali
19-04-2018
Tegola in casa Brindisi: stagione finita per Nic Moore
19-04-2018
A Prato Galanda e Cremonini per l'Easybasketinclasse
19-04-2018
Girone Ovest, stasera il recupero del match tra Remer Treviglio e Viola Reggio Calabria
19-04-2018
Il recupero della ventisettesima giornata: vittoria in volata per la Virtus Roma su Biella
19-04-2018
Fiba Europe Cup, Avellino vola in finale! Stasera tocca a Venezia difendere il +10 dell'andata
19-04-2018
Il recupero della ventitreesima giornata premia Reggio Emilia: Cremona piegata nel finale
19-04-2018
Hassan dove sei? di Giancleto Sabucci
18-04-2018
Il clamoroso errore di Anne Panther. Ma perché è stata designata?
18-04-2018
Cosa c'è da sapere sulla trattativa tra Ettore Messina e Charlotte
18-04-2018
Il Carosello dei Coach di Luca Caramelli
17-04-2018
Varese, capitan Ferrero guarda già avanti: "Testa a Bologna"
17-04-2018
Avellino pronta al ritorno contro i Bakken Bears, De Gennaro: "Vogliamo conquistarci la finale"