Sei un webmaster, blogger, youtuber o gestisci un gruppo o pagina Facebook? Siamo alla ricerca di persone che vogliono crescere collaborando assieme a noi! Scrivi a hruby@superbasket.it

Sei un webmaster, blogger, youtuber o gestisci un gruppo o pagina Facebook? Siamo alla ricerca di persone che vogliono crescere collaborando assieme a noi! Scrivi a hruby@superbasket.it
La difesa dell’Olimpia domina a Trento: 74-55

L’Olimpia sprigiona una difesa di grande solidità a partire dal secondo quarto, adattandosi bene ai tanti assetti di Trento (che gioca sia molto piccola che molto grossa) e finisce per dominare nella ripresa quando anche a rimbalzo trova la forza di reggere l’urto per chiudere 74-55. Trento dopo i 24 punti del primo periodo ne segna 31 nel resto della gara. La chiave è tutta qui, più che nei 34 punti complessivi di Theodore (14 nella ripresa) e Goudelock. Altre notizie positive arrivano da Cinciarini, ottimo nel primo tempo a supportare Theodore, da Cusin non solo a rimbalzo, da Abass, arcigno a rimbalzo e bravo a mettere due triple cruciali. Per l’Olimpia è la sesta vittoria su sette gare di campionato.

IL PRIMO TEMPO – L’Olimpia parte bene, mette le prime due triple e segna nei primi quattro possessi. Prende anche cinque punti di vantaggio ma non può capitalizzare perché Trento tiene botta con due canestri da tre di tabella, uno di Flaccadori e l’altro di Forray. Con le triple che mettono Gomes e Silins, più due giochi da tre punti di Behanan, che sostituisce Dominique Sutton, partito in quintetto da “falso 5”, sorpassa e vola sul 22-16. Milano risponde con un 5-0. Alla fine del primo è 24-21 Trento. Goudelock impatta con la seconda tripla, Cinciarini completa il 5-0 con un’entrata lungolinea. Ma con Gudaitis (che gioca con una dolorosa lussazione al pollice della mano sinistra, vistosamente fasciato) carico di due falli e in panchina dopo tre minuti di parquet, l’Olimpia soffre la tradizionale forza a rimbalzo d’attacco di Trento che più che nei numeri si manifesta nei tiri liberi tirati (11 nel primo tempo ma nove nel solo secondo quarto). Il terzo gioco da tre punti della partita bianconera lo firma Baldi Rossi e genera il nuovo tentativo di allungo trentino sul 30-26. L’Olimpia risponde, va avanti 34-33 con Goudelock in doppia cifra e una prodezza in entrata di Theodore. Sulla sirena Cusin con un tap-in chiude il primo tempo con Milano di nuovo avanti 36-34.

IL SECONDO TEMPO – I rimbalzi d’attacco di Trento angustiano Milano in avvio di terzo periodo, così i tentativi di fuggire sono frustrati da Gomes e Sutton. Theodore con le entrate e Goudelock con i suoi classici “tear-drops” nel momento in cui la difesa forza tre palle perse consecutive permettono all’Olimpia di aprire sette punti di margine sul 49-42. Dopo il time-out di Coach Buscaglia, l’Olimpia insiste, schizza a più 11 con un grande canestro di Theodore allo scadere dei 24″ in penetrazione, poi dopo il canestro di Behanan, Abass brucia la sirena con la tripla del 56-44 in un terzo periodo da 20-10, con la parte finale giocata con Micov da 4. Buscaglia prova la carta dei quattro lunghi, con Gomes da guardia e Baldi Rossi da ala piccola contro Micov o Abass. Trento alza il livello fisico della partita, aggredisce i rimbalzi d’attacco e cerca di sfruttare il vantaggio di centimetri di Gomes prima e Silins dopo su Goudelock. Ottiene però poco: dopo quattro minuti, una tripla di Abass (stavolta è lui a beneficiare del tabellone amico) ripristina i 12 punti di margine sul 61-49. Allora Trento torna ad un assetto tradizionale, ma la difesa dell’Olimpia nel secondo tempo è notevole e la copertura a rimbalzo sale con l’apporto di Abass. Goudelock battendo Flaccadori uno contro uno scava 15 punti. Il time-out di Buscaglia non rovescia l’inerzia. Il finale è sotto controllo.

Ufficio Stampa Olimpia

Link:  http://www.olimpiamilano.com/28118/

 

22-11-2017
Piccole precisazioni, grandi differenze! Silvio Corrias (3-segue)
22-11-2017
Guido Rosselli verso la Fortitudo Bologna?
22-11-2017
Kuzma e Caldwell-Pope trascinano i Lakers contro i Bulls di Marco Bonfiglio
22-11-2017
Quella voglia di identità che manca nello sport… di Valerio Bianchini
21-11-2017
Il numero 1 del nuovo American Superbasket è on line
21-11-2017
Vittoria del Basketball hall of Fame tip-off - Championship
21-11-2017
Premio Reverberi “Oscar del Basket”, vincono Walter De Raffaele, Luca Vitali e Salvatore Trainotti
21-11-2017
Gallinari al Garden in borghese, Porzingis asfalta i Clippers di Giancarlo Migliola
21-11-2017
I Celtics si prendono la 16° vittoria consecutiva con super Irving, i Cavs piegano i Pistons di Marco Bonfiglio
21-11-2017
Celtics sempre più leader
21-11-2017
Il punto su Milano
20-11-2017
Milano rescinde: Dragic va all'Efes
20-11-2017
Matteo Marchi, da Imola fino a New York: “obiettivo” NBA di Giancarlo Migliola
20-11-2017
DeRozan trascina i Raptors, tripla doppia di Lonzo Ball di Marco Bonfiglio
20-11-2017
8^ giornata: i risultati
19-11-2017
8^ Giornata: i risultati le classifiche e il programma del prossimo turno
19-11-2017
9^ giornata: i risultati, le classifiche e il programma del prossimo turno
19-11-2017
Un’altra rimontona ma alla fine Avellino vince 94-92
19-11-2017
Il talk-show con i Giganti del Basket ospiti di Intesa Sanpaolo
19-11-2017
I Warriors rimontano i Sixers, non si ferma la striscia di Boston di Marco Bonfiglio